Incontri

Due siti da visitare10x3010x30

Primavera Culturale al Forte

Terzo incontro

distanziale15x15Lunedì 25 Apriledistanziale15x15

“Ricorrenza della liberazioner

distanziale15x15 

Qualcuno credeva di rovinarci il dopo festa

Articolo sull’Arena

Locandina dell’Associazione

Locandina del Mercatino

La risposta del nostro presidente all’articolo apparso sull’Arena di Giovedì 28

distanziale15x15

di Raffaele Favatà.

Come molto spesso accade quando si fa o si tenta di fare qualcosa di importante per la nostra comunità e nel nostro paese, c’è sempre qualche “personaggio” che cerca di rovinare tutto… ma questi personaggi sono quelli che poi non contribuiscono con le loro offerte o lavoro gratuito al bene comune, persone capaci solo di denigrare quello che fanno gli altri. Invidia, rancore, disfattismo, ignoranza? Decidete voi…

Queste righe servono per mettervi al corrente dell’articolo apparso sull’Arena di Giovedì 28-04-2016. Lunedì 25 è stata celebrata la ricorrenza del “25 Aprile” festa della liberazione con tutte le autorità presenti, civili e militari, l’inaugurazione del nome “Forte S. Briccio” in bronzo ritornato sul suo frontale e, la presentazione del libro “Il risveglio del Gigante di Pietra” che racconta i nostri tre anni di lavoro al Forte, concludendo la mattinata con relativo rinfresco offerto dall’associazione in piazza d’Arme alle 12,30. Accade che delle persone venute in visita al Forte nelle prime ore pomeridiane hanno trovato il cancello chiuso, alle 14 circa…, noi ci siamo scusati e ci scusiamo per il malinteso. Teniamo però a precisare che non esiste locandina o manifesto, dove l’Associazione All’ombra del Forte abbia scritto che la manifestazione del 25 Aprile al Forte si sarebbe protratta fino alle 17,00, anzi, sui manifesti e locandine c’è ben visibile l’ora della conclusione della manifestazione, cioè alle 11,30 più rinfresco, pertanto 12,30! Perché non hanno pensato ad una loro mancanza di attenzione… a chiunque sarebbe sorto il dubbio… ma loro si sono fatti una foto di gruppo davanti al cancello chiuso e, l’hanno inviata all’Arena, denigrando con l’appellativo “Il Mostro di Pietra” apparsa nell’articolo, scimmiottando il nome del libro presentato e scritto da Renzo Zerbato e Giuseppe Corrà “Il Risveglio del Gigante di Pietra”…. Cosa dire a queste persone e al giornalista che ha buttato giù l’articolo… “CAMBIA MESTIERE”, si cambia mestiere, perché fra le righe si nota chiaramente la presa di parte senza nessuna verifica o messa in dubbio sulle responsabilità dei fatti accaduti, come molto spesso accade sui nostri quotidiani, poi quando si esprimono delle opinioni o si raccontano dei fatti accaduti si “FIRMANO” caro signor giornalaio, senza offesa per il glorioso mestiere dei giornalai…

Riprendiamo la cronaca dei fatti: Finita la riuscitissima manifestazione alle 12,30 con il conclusivo rinfresco, i cancelli sono stati chiusi alle 13,15 circa. Per noi finiva tutto lì. Ma verso le 14,30 è arrivata una telefonata che chiedeva come mai il cancello del Forte era chiuso e, ci faceva presente, che c’era un gruppetto di persone che voleva visitare il Forte. La risposta è stata “ci dispiace ma il forte è chiuso perché la manifestazione è terminata alle 12,30” e precisando che il forte non era aperto alle visite il pomeriggio ma solo la prima Domenica di ogni mese… al mattino, quindi doveva esserci stato un malinteso. Dispiacendoci del contrattempo e cercando di soddisfare tutti, subito sono stati allertati i volontari facendo presente che c’era gente davanti al cancello, chiedendo loro chi era immediatamente disponibile. Alle 15,00-15,15 circa il sottoscritto con Sergio Sponda aprivamo il cancello del Forte, al nostro arrivo c’era una coppia, entrata a visitare il Forte, successivamente sono arrivate in tutto altre 6-7 persone a gruppetti, questo fino alle 16,30 orario di chiusura del Forte.

Morale: Sulla nostra locandina e vari manifesti sono spiegate dettagliatamente le varie fasi della manifestazione del 25 Aprile, non vi è scritto che la manifestazione o l’apertura del Forte si sarebbe protratta fino alle 17,00 come scritto sull’Arena, anzi tutto sarebbe terminato alle 11,30. Verificando cosa potrebbe essere successo dato l’equivoco, scopriamo che nella locandina del “Mercatino” c’è scritto l’orario del mercatino fino alle 17,00!

Pertanto se i cari signori che si sono fotografati davanti al cancello avessero letto bene la locandina del Forte, non sarebbero rimasti fuori… anzi hanno perso l’occasione di assistere ad una bellissima mattinata al Forte… perso la bellezza di un libro offerto gratuitamente, ma… si vede che in mattinata avevano altro più importante da fare, con le lenzuola ed i cuscini. I vecchi proverbi non sbagliano mai… chi dorme non piglia pesce.

Dopo tre anni di duro lavoro, ed essere riusciti con il nostro grande gruppo a ridare vita a tutto il Forte, non solo ai due o tre locali di nostro interesse, ma all’intera struttura, opera intrapresa da nessuno in tutti questi anni passati, leggere delle idiozie “Mostro di Pietra” senza avere l’accortezza di verificare come si sono svolti realmente i fatti, sinceramente fa pena… pena per questi individui giornalista compreso…. Perché non venite a portare il vostro sedere al Forte e, rendervi utili in qualcosa che già coinvolge tutta Lavagno, invece di cercare di cogliere qualsiasi opportunità pur di denigrare il lavoro degli altri? Siamo a maggior ragione meravigliati che l’Arena abbia concesso la pubblicazione di un articolo tanto delicato, riguardante il sacrificio di volontari senza prima verificarne i fatti e, cosa più grave pubblicare l’articolo senza firma… Quando esprimo un mio parere ci metto sempre la mia faccia, lo trovo di rispetto ed onesto verso gli altri, e questo in special modo sui miei scritti…

Certo è che qualcosa di utile lo avete fatto… vi ringraziamo per averci fatto capire che dovremo stare molto attenti in avvenire… si molto attenti, perché adesso sappiamo che intorno a noi c’è anche gente che ci vuole “Molto bene” controlleremo anche le locandine degli altri… grazie grazie grazie…

State tranquilli siamo un grande gruppo… e abbiamo le spalle molto larghe e, la forza di rispondere.

distanziale15x15

La manifestazione del 25 Aprile al Forte

10x30

10x40

10x40

distanzialedistanziale-30x30

distanziale-30x30

GRUPPI… e Associazioni Culturali

Come programmare visite o manifestazioni culturali al Forte

distanziale-20x20

Vogliamo portare alla Vostra attenzione che, la Domenica 04-10-2015 è l’ultima Domenica in cui il Forte è aperto alle visite, sarà da quel giorno chiuso fino alla Domenica del 06-03-2016 prima Domenica dìapertura, è possibile visitare il Forte facendo domanda tramite il MODULO del sito, situato nella pagina di “CONTATTO” del sito, questo riservato solo a gruppi, inserendo la vostra richiesta con tutte le informazioni del gruppo, età, numero dei partecipanti, ente o associazione, inserendo tutte quelle informazioni utili per darci la possibilità di organizzare al meglio la vostra accoglienza. Se siete in possesso di una vostra locandina potete inserire l’immagine in jpg, o pdf, nel modulo “CONTATTO” alla voce “Allega immagine:” cliccando poi su “scegli immagine”, immagine che avrete preparato precedentemente sulla vostra scrivania del vostro PC nel formato su indicato, la locandina sarà inserita nella pagina “Gruppi – visite programmate al Forte” con tutti i dati relativi alla visita. L’accesso alla pagina per vedere le programmazioni future è accessibile dal menù alla voce “IN PROGRAMMA”.

Inviata la richiesta sarete contattati nel più breve tempo possibile.

distanziale-30x30

distanziale-20x20

Apertura del Forte

Domenica 13 di MARZO

Chiusura la prima Domenica di OTTOBRE

Gruppi – Come programmare le visite

VISITE E MANIFESTAZIONI IN PROGRAMMA

distanziale-30x30

 

25 apr 2016 1°Presentazione del libro “Il risveglio del gigante di pietra” di Renzo Zerbato e Giuseppe Corrà.
Sono bastati poco meno di tre anni perché il forte di San Briccio, che giaceva carico di ferite causate dal tempo e dall’abbandono, ma soprattutto dai vandalismi che lo hanno colpito duramente, ritornasse ancora a “vivere” grazie alle cure dei volontari dell’ associazione “All’ombra del Forte”, sotto il controllo e l’ assistenza del comune di Lavagno.
Centinaia di volontari, con migliaia di ore lavorate, hanno potuto far ritornare la vita e la gioia, la cultura e la speranza dentro questo meraviglioso manufatto nato alla fine del 1800 per tutt’altre finalità.
Ecco i video della conferenza, visibili assieme a tutti gli altri anche in MENU-GALLERIA-VIDEO
https://youtu.be/yDBm5c1DnvQ
https://youtu.be/HZAV6Velu2c

La professoressa Giuliana Borghesani, avvalendosi dei ritrovamenti archeologici avvenuti in seguito alla costruzione del forte di San Briccio e sfruttando un’indagine fatta sul territorio negli anni ’90, per valutare il rischio archeologico che avrebbe comportato la riapertura di una cava di basalto, attraverso un viaggio a ritroso nel tempo ci porterà fino alle nostre origini.
Ci racconterà dei vari insediamenti che si sono succeduti nelle varie epoche sopra il colle, in una posizione che è sempre stata particolarmente strategica.
Ecco i video della conferenza, compresi anche in MENU-GALLERIA-VIDEO:
https://youtu.be/LBgqKTZpoWI
https://youtu.be/TJGxlJdgG-k

10x30

Il nome sul frontale del Forte

torna dopo molti anni finalmente al suo posto

distanziale15x15

FORTE S. BRICCIO

10x30

di Raffaele Favatà.

Il suo nome lo abbiamo sentito molte volte e da molto tempo, ma non sappiamo chi lo ha tolto dal suo possente e maestoso frontale in pietra veronese. Molti anni sono trascorsi da quando furono tolte le lettere che lo indicavano con certezza e, cosa c’era veramente scritto su quel portale? Questa domanda me la posi quando entrai a far parte dell’associazione All’ombra del Forte, nella primavera del 2013, vedendo la possente entrata del Forte senza la sua insegna mi sembrò spoglia… mancava qualcosa di molto importante a mio avviso, non era completa senza il suo nome. La prima cosa che mi venne in mente ricordo fu “Come se un uomo va ad un ricevimento in frack senza le scarpe”, questo pensiero mi accompagnò per tutta l’estate.

forte_san_briccio

Entrata del Forte, in alto sul frontale, si vedono i fori dove alloggiavano i perni di fissaggio delle lettere che componevano il nome.

Incominciai ad interessarmi della fine che avevano fatto le lettere che ne componevano il nome chiedendo qua e là, ma la ricerca fu vana, nessuno degli anziani interpellati si ricordava il nome con certezza…, vi era qualche altra lettera che indicava un nome diverso? Nessuno di loro e delle persone che contattai erano sicuri nell’indicarmi il nome, indecisi rispondevano “Ma… penso Forte San Briccio o Forte di San Briccio”, ma non ne avevano certezza, e tanto meno ricordavano il tipo di carattere che lo distingueva. Pertanto decisi di fare una ricerca più approfondita e incominciai a contattare tutti gli enti che avrebbero potuto aiutarmi a risolvere l’enigma… dovevo trovare a tutti i costi il nome preciso ed il tipo di carattere che lo formava nel lontano 1888, giorno della inaugurazione del Forte! Pertanto scrissi varie mail di richiesta informazioni con l’intestazione della Associazione All’ombra del Forte, tutte ai vari enti che avrebbero potuto avere informazioni al riguardo, ma senza esito… nessuno aveva notizie o scritti in merito al tipo di carattere (font) utilizzato e, tanto meno se ci fosse in realtà scritto “Forte di San Briccio” o ” Forte San Briccio” oppure “Forte S. Briccio”, anche se sulle carte del Genio Militare era evidente la terza soluzione, ma in pratica non esistevano foto del frontale con visibile l’insegna per esserne certi.

forte_san_briccio

Particolare di una parte della foratura, quella di FORTE S.

Mi recai anche presso la Caserma Duca di Montorio e, anche se accolto con molto interesse, non avevano purtroppo nessun documento nel loro archivio che riguardasse il nostro Forte, scrissi anche al Genio Militare di Padova, ma… senza risposta. Inoltrai una richiesta di informazioni anche all’Associazione Nazionale Ufficiali in Congedo di Montorio, senza alcun esito. Speravo che almeno loro essendo una Associazione Nazionale, pertanto presente in tutte le regioni, ed essendo la maggioranza degli effettivi dislocati nel Forte appartenenti a varie regioni italiane (maggioranza meridionali) qualche milite di leva speravo avesse a suo tempo scattato qualche foto del Forte insieme ai propri commilitoni… per ricordo, ma non ebbi fortuna. L’interesse molte volte è solo nostro, gli altri non sono minimamente toccati dai nostri sentimenti, se non esiste un guadagno purtroppo è molto difficile smuovere l’interesse altrui. Così scelsi di percorrere un’altra strada a me più consona… non aver bisogno degli altri, fare una ricerca inversa… non partire dalla costruzione del Forte o da chi ha vissuto al suo interno, ma partire dalla fine… da ieri l’altro! Presi macchina fotografica e con tanta determinazione scattai 12 foto del frontale del Forte, solo la parte dove erano state installate le lettere che componevano il nome del Forte, con un programma di sovrapposizione e di montaggio fotografico unii e sovrapposi le varie immagini ottenendo una sola immagini ad altissima risoluzione della foratura sulla pietra veronese del frontale del Forte, fori ancora presenti e chiaramente visibili, fori che a suo tempo alloggiavano i perni posteriori delle varie lettere che componevano il vero nome del Forte.

forte_san_briccio

Particolare della esecuzione della primitiva foratura a scalpello, si vede chiaramente la forma quadrata dei fori.

Tali forature non erano state eseguite con trapano, perché a quel tempo non c’era ancora il trapano elettrico ma a manovella, pertanto non conveniente per eseguire tutti i fori necessari per il fissaggio delle lettere, furono eseguiti pertanto a scalpello che, per i lavoratori dell’epoca non era certo un problema. Pertanto i fori sono di sezione quadrata non tonda, di lato 15×15 mm. circa con una profondità di circa 30 mm.. A questo punto avevo una foto panoramica di tutta la foratura in alta risoluzione, potevo ingrandirla a piacere per poterne controllare i particolari.

forte_san_briccio

Particolare del sistema di fissaggio, usando un impasto di vario genere, anche colle, tipo farine vegetali mescolate a polvere di marmo, che indurendosi bloccava il perno della lettera. Si vede chiaramente che indurendosi l’impasto si staccava leggermente da vari punti delle pareti del foro, ma dava comunque un’ottima presa.

Dovevo però adesso trovare il tipo di carattere scelto nel 1882, pertanto dovevo sovrapporre le lettere ad una ad una sulle forature cercando le lettere di quel carattere che mi coprissero tutti i fori che componevano il nome del Forte, e questo lavoro lo dovevo fare sul mio iMac (Computer Apple Macintosh). Dopo molti giorni di lavoro (Non costantemente chiaro) e, dopo aver provato oltre 560 caratteri… finalmente l’unico che dava il risultato quasi perfetto al 95%, risultava il ROMAN. Ho dovuto provare tutti i caratteri che possiedo perché dovevo essere sicuro che fosse giusto o più probabile, la certezza assoluta la potrebbero dare solo le lettere originali tolte a suo tempo dal frontale del Forte, ma questo non è possibile. In quegli anni i caratteri venivano poi costruiti a mano, con fusione a conchiglia aperta a terra e, i mastri fabbri pur conoscendo i vari tipi di carattere in uso, i loro stampi non erano mai uguali, perché non prodotti con un sistema in serie, tutto era eseguito con metodi artigianali pertanto leggermente differenti fra loro.

forte_san_briccio

Fotografia della foratura ed esecuzione della tracciatura di riferimento della posizione occupata dalle precedenti lettere, questo per avere i punti di riferimento della posizione precedentemente occupata dalle lettere dopo la chiusura dei vecchi fori.

A conclusione, sovrapponendo le varie lettere sui fori presenti sull’immagine a computer, risultava esattamente il nome di “FORTE S. BRICCIO” con esse puntata. Non era finita però la mia ricerca, dovevo avere delle prove che quel tipo di carattere fosse in uso nel 1882 anno della presentazione del progetto del Forte. Il risultato fu confortante… il carattere era in uso da moltissimi decenni prima del Forte. Trovato il tipo di carattere, la sua grandezza e, il nome reale che vi era scritto, dovevo trovare chi fosse in grado di costruirlo o che avesse un carattere di quelle dimensioni e, di quel tipo nella sua produzione, cioè in bronzo fuso in conchiglia. La ricerca per mia fortuna si fermò presto, presso la ditta Biondan di Montorio, specializzati in fusioni in bronzo e produttori di materiale funerario stampato o in fusione. Interpellati e sensibilizzati ad appoggiare la causa della rinascita del Forte, mi confermano la fornitura delle lettere in fusione in bronzo, al costo del puro metallo.

forte_san_briccio

Chiudere i fori esistenti che fissavano le vecchie lettere è indispensabile data la loro dimensione 15×15 mm. e, le lettere in fusione di bronzo attuali hanno fori con perni in posizione diversa e di dimensioni meno invasive, con un diametro di appena 5 mm., pertanto con piccoli fori si riesce ad avere un fissaggio perfetto.

forte_san_briccio

Creazione del materiale occorrente per la chiusura dei vecchi fori tramite frantumazione e polverizzazione della pietra rosso veronese, aggiungendo una piccola percentuale di cemento bianco, per preparare l’impasto per la loro chiusura.

forte_san_briccio

***

Pur essendo la spesa da sostenere di un terzo del valore reale delle lettere in bronzo, per noi dell’Associazione All’ombra del Forte la somma era ancora grande… e pertanto il presidente dell’associazione, prof. Maria Grazia Belli venuta a conoscenza del risultato ottenuto mi consiglia di scrivere al direttore della Cassa Rurale di Vestenanova, alla attenzione del direttore della sede di Lavagno, il quale si dimostra disponibile ad un nostro incontro per avere ulteriori informazioni, sulla ragione, della nostra richiesta del loro eventuale finanziamento. Dopo l’incontro acconsente a finanziarci la restante cifra per l’acquisto delle lettere per il Forte.

forte_san_briccio

Chiusura dei vecchi fori con il materiale tratto dalla pietra veronese con minima percentuale di cemento bianco.

Fu presentata pertanto la domanda alla Soprintendenza dal Comune di Lavagno, nella persona dall’Assessore Alessandra Sponda, allegando la documentazione attestante la ricerca effettuata, corredata dalle foto dimostrative, della validità della sovrapposizione sull’immagine dei fori esistenti sul fronte del Forte delle lettere di quel carattere ritrovato. Avendo ricevuto tale domanda esito positivo da parte degli organi preposti, l’istallazione avverrà approssimativamente in data 15-04-2016/20-04-2016. In questi giorni è stata eseguita la chiusura dei vecchi fori con materiale dello stesso tipo, (polvere di pietra rosso veronese), ricavata frantumando dei pezzi di pietra dello stesso tipo di quella del Forte, per avere lo stesso colore e resistenza meccanica, aggiungendo una piccola percentuale di cemento bianco per dargli la dovuta resistenza.

forte_san_briccio

Usando un impasto dello stesso materiale che compone il fronte del Forte per chiudere i vecchi fori, si ottiene un’ottima corrispondenza sia nel colore che nella resistenza meccanica per il fissaggio delle nuove lettere.

Si proseguirà nei prossimi giorni ad eseguire la nuova foratura per il fissaggio delle nuove lettere, dopo averle installate e verificato che la scritta è perfettamente nella sua primitiva posizione saranno fissate definitivamente. La ricerca però continua, manca ancora un particolare piccolo, ma anche lui importante, sul lato destro del portone di accesso, manca il rosone del corpo di appartenenza della guarnigione che era dislocata nel Forte, nel lontano 1888, come si intravede nella foto sopra. Con certezza si trattava del corpo di artiglieria pesante da campo, rintracciare i suoi colori e, il materiale di cui era composto sarà indispensabile. Probabilmente rosone in bronzo in fusione a terra, di un diametro di 30 cm. circa con spessore 2,5 cm., rappresentate il corpo di appartenenza. La certezza arriverà alla fine della dovuta e necessaria ricerca. Quale gratificazione migliore, essere riuscito a ridarli il nome che gli apparteneva e gli appartiene, essere riuscito a ridargli il suo aspetto primitivo. Ringraziamo tutti quelli che con il loro interesse hanno contribuito alla riuscita della mia ricerca, ed alla sua realizzazione, ringrazio quelli che non hanno esitato a contribuire finanziariamente al sostegno della nostra iniziativa facendo sì che si potesse realizzare….

10x30

10x30

PROSPEZIONI GEORADAR

sul luogo della vecchia Pieve

e

ricerca dell’esistenza del passaggio segreto del Forte

distanziale15x15

di Raffaele Favatà.

Molto si è parlato ed ancora se ne parla, riguardo alla esistenza di un collegamento sotterraneo esistente o meno fra la Batteria Monticelli ed il Forte di San Briccio. Interpellato dal presidente dell’Associazione All’ombra del Forte prof.sa Maria Grazia Belli e dal sig. Renzo Zerbato sulla probabilità della sua esistenza, risposi sinceramente che ne dubitavo, conoscendo perfettamente il Forte in tutti i suoi più nascosti meandri, non avevo notato nessun passaggio, e tanto meno segni di eventuali passaggi chiusi anche in epoca remota… quando si chiude o si ripara un muro a mattoni, o intonacato o si tratti di un pavimento si notano sempre dei segni più o meno evidenti e, nel Forte non v’erano segni tali da poter far pensare ad un passaggio segreto chiuso in epoca remota o recente, salvo che non fosse stato chiuso quando fu costruito il Forte quindi di epoca antecedente al forte stesso. La distanza fra il Forte e la Batteria Monticelli è di 2.481m. circa, con un dislivello di 262 m. circa, impensabile una galleria così lunga con dislivelli lungo il percorso di oltre 50 m., avrebbe avuto un costo superiore al forte stesso.

batteria_monticelli_forte_san_briccio

Rilevamento satellitare della distanza fra Batteria Monticelli e il Forte di San Briccio, tratto che avrebbe dovuto percorrere una eventuale galleria di collegamento.

La mia risposta non li convinse anzi mi chiesero di interessarmi per fare delle ulteriori verifiche. Contattai varie ditte per noleggiare le attrezzature necessarie per effettuare una prospezione georadar, l’unico sistema per accertarci se sotto o intorno al Forte esistesse con certezza un passaggio segreto, ad altre ditte del settore chiesi di farmi un preventivo di fattibilità ed eventuale spesa che avremmo dovuto sostenere lasciando a loro il compito di eseguire la prospezione. Fra tutte le varie risposte, scelsi la RadarPoint. La ditta dimostrava apertamente sensibilità e comprensione alla nostra condizione di associazione di volontari e, pertanto si offriva ad effettuare la prospezione ad un costo simbolico, più le spese di carburante ed autostrada… risiedono a Torino. Fissato il giorno per effettuare la prospezione ed accettate le condizioni, con l’approvazione del presidente, fu estesa la prospezione anche alla vecchia Pieve, trovare le tracce della sua reale vecchia posizione rilevando qualche residuo di fondamenta.

sovrapposizione_mappa

Sovrapposizione in trasparenza della mappa cartografica del Genio Militare del Maggio 1884 sull’immagine satellitare del colle del Forte, facendo coincidere le tre strade sterrate di accesso alla vecchia Pieve, notare il diverso percorso della vecchia strada che passava per le “Cesette”.

Iniziamo le prospezioni in data 11-01-2016 alle ore 9,30 circa, prospezioni effettuate dalla titolare della ditta RadarPoint sig.ra Milena, nella zona situata a Nord-Ovest del Forte, dove ritenevo con discreta precisione fosse dislocata a suo tempo la vecchia Pieve. Per avere la quasi certezza della sua posizione con il minimo errore possibile, avevo registrato una immagine satellitare di tutta la collina del Forte, includendovi in essa le tre strade sterrate di accesso; avendo una mappa del Genio Militare dell’epoca che recava ben evidenti le tre strade sterrate e la posizione della vecchia Pieve, pensai di sovrapporla alla immagine satellitare attuale che avevo della collina tramite sovrapposizione a computer, ritenendo che dalla sovrapposizione avrei potuto rilevare l’esatta posizione dell’antica Chiesa, facendo coincidere perfettamente le tre strade sterrate che non facendo parte dell’area sottoposta alla costruzione del Forte all’epoca (1882 presentazione del progetto) erano rimaste nel tempo invariate.

prospezione_radarpoint_forte_san_briccio

Inizio della prospezione georadar da parte della titolare della RadarPoin di Torino.

Delineammo le zone previste con picchetti e nastro per semplificare la ricerca. La prospezione conferma la mia tesi, rilevando ad una profondità di circa 70-90 cm. resti di fondamenta della vecchia Chiesa di uno spessore di circa 80 cm. e una cavità di un diametro di circa 1 m. e profondo oltre 3 m. davanti al frontale della vecchia Chiesa, pozzo per l’acqua piovana? Nella parte posteriore della Chiesa si rileva una cavità di 1,60×1,80 m. circa per una profondità di 3 m. circa, si presume una cisterna di raccolta acqua piovana o fognatura della Chiesa.

prospezione_radarpoint_forte_san_briccio

I volontari seguono ed assistono la RadarPoint durante la prospezione.

prospezione_radarpoint_forte_san_briccio

***

prospezione_radarpoint_forte_san_briccio

Controllo dei dati registrati durante il primo passaggio lineare e verifica incrociata del percorso.

Oltre ad un paio di cavità sotterranee di dimensioni ragguardevoli ad una profondità di circa 3 m. sempre nell’area dove si rileva la presenza della Chiesa. Nella parte dove era dislocato il vecchio cimitero, sono state rilevate 4 cavità importanti di dimensioni dai 6×3 a 13×8-9 m. e una altezza variabile da 3 ai 10 m, cavità sotterranee impossibili da definire… vulcaniche, cedimenti strutturali, o opere dell’era romana o medioevale? 

prospezione_radarpoint_forte_san_briccio

Zona del rilevamento della cisterna o fognatura sul lato posteriore della Chiesa.

prospezione_radarpoint_forte_san_briccio

Prospezione dell’area occupata dalla vecchia Chiesa, il picchetto visibile nella foto indica l’inizio del tratto di fondamenta della parte anteriore della Chiesa in direzione del fossato.

prospezione_radarpoint_forte_san_briccio

***

prospezione_radarpoint_forte_san_briccio

L’Assessore Di Michele assiste alla prospezione.

prospezione_radarpoint_forte_san_briccio

Vari passaggi lineari ed incrociati.

prospezione_radarpoint_forte_san_briccio

Momento del rilevamento della cavità 1,60×1,80, potrebbe essere la cisterna di raccolta dell’acqua piovana o fognatura della Chiesa.

prospezione_radarpoint_forte_san_briccio

Prospezioni dove si ritiene fosse il cimitero, nel sottosuolo si rilevano 4 cavità di discrete e varie dimensioni, ma nessuna presenza di fondamenta.

Stabilita la posizione della vecchia Pieve, procediamo alla prospezione del famoso passaggio segreto calandoci nel vallone del Forte, procedendo dal ponte levatoio verso sud. In questo tratto di fossato sono state rilevate ben 5 cavità molto grandi, come le precedenti.

prospezione_radarpoint_forte_san_briccio

Si iniziano le prospezioni nel fossato per scoprire l’eventuale esistenza di un passaggio dal Forte oltre il fossato.

prospezione_radarpoint_forte_san_briccio

Anche nel fossato si eseguono passaggi lineari ed incrociati.

prospezione_radarpoint_forte_san_briccio

Prospezioni nel lato sud del fossato.

Percorrendo il tratto sud del fossato da Ovest verso Est fino alla Caponiera a Sd-Est, altri 4 cavità di varie dimensioni, ed una cavità che procede in diagonale dal muro esterno del fossato contro il muro del Forte all’angolo della Caponiera ad una profondità di 2 m. larga circa 3 m. con una altezza di circa 3-4 m. (Ci riserviamo di riprenderla dalla parte interna del Forte per verificare la sua direzione).

Percorrendo il tratto sud del fossato da Ovest verso Est fino alla Caponiera a Sd-Est, altri 4 cavità di varie dimensioni, ed una cavità che procede in diagonale dal muro esterno del fossato contro il muro del Forte all'angolo della Caponiera ad una profondità di 2 m. larga circa 3 m. con una altezza di circa 3-4 m. (Ci riserviamo di riprenderla dalla parte interna del Forte per verificare la sua direzione).

Prospezioni intorno alla Caponiera situata a Sud Est del Forte.

Procediamo intanto dalla Caponiera a Sud verso la Caponiera a Nord.Est percorrendo il fossato lato Est, e con sorpresa rileviamo altre tre cavità sotterranee di diverse dimensioni e a diverse profondità, ma di dimensioni ragguardevoli, la più ampia raggiunge i 15 m.. Purtroppo dobbiamo fermarci a metà percorso dell’intero perimetro del fossato, perché l’altra metà è ancora da ripulire dalla vegetazione e dagli alberi caduti di traverso sul fossato, pertanto zona pericolosa per chi dovesse addentrarsi.

prospezione_radarpoint_forte_san_briccio

Dalla Caponiera a Sud-Est percorrendo il fossato ad Est del Forte verso la Caponiera a Nord-Est.

prospezione_radarpoint_forte_san_briccio

***

prospezione_radarpoint_forte_san_briccio

Siamo arrivati al limite del fossato percorribile in sicurezza, oltre è pericoloso inoltrarsi, per probabile caduta tronchi marcescenti e rami dall’alto del fossato.

prospezione_radarpoint_forte_san_briccio

Riprendiamo la prospezione all’interno del Forte, nel locale che coincide con il rilevamento esterno, la prospezione indica una continuità della cavità anche sotto il locale del Forte, fermandosi quasi al centro del locale.

prospezione_radarpoint_forte_san_briccio

Immagine elaborata di una prospezione, si notano due anomalie nel terreno ad una profondità di 1,77 m. la seconda più in basso ad una profondità di 2,66 m. Quello che abbiamo definito cavità presenti nel sottosuolo, in realtà possiamo definirle anomalie, fin quando non ci sarà una verifica distruttiva, cioè effettuando degli scavi di prova.

A conclusione possiamo dire che sotto il Forte ci potrebbero essere molte sorprese che purtroppo non abbiamo svelato con certezza ma sappiamo che qualcosa c’è ed abbiamo trovato molto di più di quello per cui era iniziata la nostra ricerca. Un domani forse si riuscirà a sapere di cosa si tratta, a noi oggi la soddisfazione di aver trovato tante informazioni che faranno da base per eventuali future ricerche. Ormai si fa buio e la leggera pioggia che a piccoli tratti ci ha accompagnato non ci da tregua, la prospezione non avrebbe potuto aver luogo se il terreno non fosse stato ricco di roccia basaltica e, poi per fortuna era una pioggerella finissima ed a tratti, perché altrimenti le onde elettromagnetiche emesse dalla strumentazione, non avrebbero svolto la loro funzione correttamente con terreno morbido intriso d’acqua.

I volontari dell’Associazione All’ombra del Forte, che con il loro lavoro al freddo e sotto la pioggia per due giorni, hanno fatto si che le prospezioni si potessero realizzare in sicurezza nel luogo del vecchio cimitero, oltre la rete di recinzione del Forte, facendo pulizia del sottobosco e del filo spinato ancora presente in grande quantità nel folto della vegetazione, abbandonato da decenni, ed assistito la Georadar durante le prospezioni:

Dario Sartori, Rolando Negrini, Luigi Fortezza, Paolo Sandrini, Alberto Zenari, Giovanni Castagna, Sergio Danzi, Gianni Montanari, Sergio Sponda, Giovanni Turata, Raffaele Favatà, spero di non aver lasciato fuori qualcuno.

Come funziona un georadar: http://www.softwareparadiso.it/ambiente/archeologia_strumenti_georadar.html

10x40

10x30

IL VOLO

HA PRESENTATO AL FORTE

FORTIFICAZIONI DELLA GRANDE GUERRA

distanziale15x15

di Raffaele Favatà.

In una splendida giornata di sole si è conclusa positivamente presso il Forte di San Briccio la video proiezione del documentario sui Forti avvenuta l’11-10-2015 alle ore 16,00, già presentato alla 72° Mostra del Cinema di Venezia, la partecipazione è stata oltre le aspettative. Le speranze che tutto andasse per il meglio erano tante, dopo aver recuperato per l’occasione con il lavoro dei volontari un grande locale del Forte. La gradita partecipazione anche delle nostre autorità locali nella persona del Sindaco Simone Albi e dell’Assessore Alessandra Sponda e la partecipazione dell’immancabile prof. Corra alla video proiezione del documentario di Mauro Vittorio Quattrina, hanno dato il tocco finale alla manifestazione, molto gradita ed apprezzata da tutti i presenti. Facevano parte del documentario immagini e spezzoni di filmati inediti sulle varie fortificazioni presentati e inserite nel complesso dell’opera, molto interessanti. La cornice del Forte ha fatto il resto… come non ammirare ed apprezzare lo splendido complesso militare rinato in tutta la sua grandezza e complessità del suo interno, con scorci e viste di grande interesse, rinate dopo il lungo abbandono. Alla fine della proiezione un fugale e breve rinfresco dedicato agli attori della presentazione.

10x30

10x30

FORTEMUSICA

10x30

RADIORARIO

IL

LABORATORIO MUSICALE

di Maria Grazia Belli.

Sabato 19 settembre nell’affascinante location di forte di San Briccio, sarà  proposto il quarto evento di Fortemusica  estate musicale 2015. La grande piazza d’€™armi ospiterà  uno spettacolo multimediale  articolato nella presentazione di video, di registrazioni originali, di brani musicali dal vivo, di video e di registrazioni in un€’alternanza di notizie dalla storia, per raccontare e farci ricordare piacevolmente, l’evoluzione dei mezzi che ci hanno fatto ascoltare la musica: dal fonografo, alla radio, al jukebox, alla televisione, fino all’€™MP3. Fino all’800 infatti la musica veniva ascoltata solo dal vivo nei teatri, poi utilizzando il fonografo, inventato da Edison. Nel 1897 apparve il grammofono che offriva diversi vantaggi come una più costante velocità, la possibilità di effettuare più copie e occupava minor spazio. Dopo una quindicina di anni, in seguito ai miglioramenti tecnici, si poté registrare su dei dischi  e ascoltarli con il giradischi. La prima incisione a 78 giri fu una “Carmen” di Bizet ed un “Concerto per due violini” di Bach, nel 1910, a cui seguì una registrazione integrale della “Quinta Sinfonia” di Beethoven nel 1913. Vista l’utilità  dell’uso del disco inizia a svilupparsi il giradischi elettrico e ben presto è messo in commercio il primo disco flessibile in carbonio, che viene rimpiazzato dal disco in vinile. Gli anni 60/70 sono stati anni del boom discografico, tutti i più grandi artisti investivano sempre più sull’incisione di LP e 45g collezionando milioni di copie vendute, nasceva però l’esigenza di progettare giradischi portatili, nacque così il famoso Mangiadischi , il giradischi alimentato a batteria, che permetteva di ascoltare musica in auto, all’aperto ed ovunque non ci sia possibilità di allacciare il giradischi ad una fonte elettrica. Si è passati così al lettore CD, infine al comune MP3.

radiorario

IMPORTANTE:

  1. L’accesso alla manifestazione musicale è riservata ai soli soci tesserati all’Associazione All’ombra del Forte, i partecipanti alla manifestazione sprovvisti di tessera associativa, possono tesserarsi presso l’ingresso del Forte dove ci saranno gli addetti al tesseramento. La tessera associativa da diritto alla partecipazione a tutte le manifestazioni che si svolgeranno nel Forte e l’accesso al bar interno al Forte, fino a nuove disposizioni della direzione.
  2. La zona di parcheggio delle auto sarà indicata da segnaletica appropriata, pertanto si prega di seguire le indicazioni e di non parcheggiare per problemi di sicurezza davanti al cancello di accesso al Forte.

10x30

 

10x30

FORTEMUSICA

10x30

Ancora al Forte

Officina Fotonica

officina-fotonica

10x30

Una serata di musica e socialità in Piazza d’Armi
con alcuni dei gruppi che frequentano la sala prove allestita e curata dall’associazione Officina Fotonica nel comune di Lavagno.

Alle 17.30
assemblea aperta agli associati e alle associate per discutere alcune problematiche riscontrate nella gestione della saletta, raccogliere idee e proposte per prossime iniziative, organizzarsi per la serata.

A seguire, aperitivo allargato e pasto frugale.
Forse pizza.

Dalle 21
suoneranno in ordine sparso:

 Suggestion […]

 Microwave [neo-prog]
https://it-it.facebook.com/microwave.rockband

 Squid to Squeeze [psichedelia, elettronica, real-time composing]
https://www.facebook.com/squidtosqueeze

 Grey Miller [alternative rock, new wave]
https://www.facebook.com/GREYMILLERMUSIC

Beat Root Box [beat box]

Prima, dopo e durante,
l’immancabile djset riempipista.

Baretto aperto con cibo e bevande.

Ora chiediamo alle capre se ci sono ulteriori informazioni da dare.

————————–————————–———–

Entrata gratuita riservata ai tesserati
dell’associazione All’Ombra del Forte.
La tessera è annuale, costa 5 euro e contribuisce
a sostenere le spese per il recupero del Forte.
Birretta fresca offerta a tutti i nuovi associati.

Il Forte di San Briccio si trova a Lavagno, a 15 minuti dalla città.
Ti invitiamo a seguire le indicazioni per il parcheggio,
a rispettare l’ambiente e vicinato.

10x30

10x40

CONCLUSASI POSITIVAMENTE LA SERATA

delle

“RONDINI DELLA NOTTE”

10x30

di Raffaele Favatà.

Si sono appena concluse le serate internazionali dei chirotteri, con la nostra serata delle “RONDINI DELLA NOTTE” svoltasi nella sala civica di San Briccio… con esito positivo per la numerosa partecipazione. La manifestazione si svolge in trenta nazioni, pertanto di importanza internazionale, la serata dedicata ai chirotteri dall’associazione internazionale “EUROBATS”, ha come scopo la sensibilizzazione della popolazione all’argomento, il censimento, il controllo e la difesa dei chirotteri (Pipistrelli) nei vari paesi. 
La serata organizzata dall’Associazione All’ombra del Forte di cui faccio parte, si è svolta presso la sala civica di San Briccio. Dopo la proiezione di immagini e audio attinenti all’argomento trattato da parte degli esperti del G.I.R.C. e LIPU di Padova intervenuti per l’occasione, cioè i chirotteri (Pipistrelli) del Forte, descrivendone l’utilità per la comunità e loro protezione da parte della legislazione italiana ed europea . Siamo usciti alla fine delle proiezioni dirigendoci verso il Forte in una splendida e calda serata d’Agosto. Siamo arrivati fino alla sommità del colle, davanti al cancello di accesso al Forte, il panorama che si presentava era indescrivibile… Verona di notte! Più di qualche esemplare è stato catturato dal Bat Detector strumento per registrare gli ultrasuoni da loro emessi, di cui i due esperti ne erano muniti. Lo scopo dell’escursione notturna era di catturare qualche verso o richiamo dei pipistrelli presenti in caccia lungo le vie di San Briccio. L’interesse dimostrato dai partecipanti ci sprona a perfezionare la serata in avvenire, arricchendola di immagini e video con escursione presso l’interno del Forte… pertanto un ringraziamento a tutti i partecipanti e un arrivederci alla prossima edizione.

LOCANDINA

distanziale15x15

rondini_della_notte

10x30

 

10x30

UN’ALTRA FESTICCIOLA… al Forte

10x30

officinafotonica-2

Succede che, dopo il riuscito esperimento dello scorso mese, venerdì 28 agosto
si fa un’altra festicciola al Forte di San Briccio.
A partire dalle 21.30:
â–  JAM! (session)
improvvisazione strumentale aperta
A seguire, fino a tardi:
â–  FANATICS S.C. (da Brescia)
Djset: northen soul, early reggae, ska
â–  KALAMINA SOUND SYSTEM
Djset: digital dub, roots
Baretto con cifre abbordabilissime. Tavolini, sedie, luci psichedeliche. Tutto a posto. Vieni a conoscere lo spazio, tornato alla vita dopo due anni di lavoro dei volontari.
Vieni a ballarci su.
————————–————————–———–
Entrata gratuita riservata ai tesserati dell’associazione All’Ombra del Forte.
La tessera è annuale, costa 5 euro e contribuisce a sostenere le spese per il recupero del Forte. Birretta fresca offerta a tutti i nuovi associati.
Il Forte di San Briccio si trova a Lavagno, a 15 minuti dalla città. Ti invitiamo a seguire le indicazioni per il parcheggio, a rispettare ambiente e vicinato.
Ti aspettiamo qui:
https://www.google.it/maps/place/Via+della+Liberazione,+1,+37030+San+Briccio+VR/@45.450787,11.121046,276m/data=!3m1!1e3!4m2!3m1!1s0x477f5b9c3d1d8f79:0x672797ac21f29514?hl=it

10x30

 

 

10x30

FORTEMUSICA

10x30

Conclusasi la serata musicale del 18-08-2015

Gruppo

Armonici Ensemble Giocosa

10x30

Conclusasi con successo la serata musicale del 18-08-2015 al Forte, anche se il tempo non prometteva bene. Tutto intorno al Forte di San Briccio l’acqua veniva giù fortissima con tuoni e lampi, ma Giove Pluvio deve aver avuto pietà di noi…, di chi ci ha messo cotanta volontà ed impegno perché tutto andasse per il meglio, alla fine siamo stati premiati… certo abbiamo qualche cosina da perfezionare ma la volontà non manca. Ringraziamo il giovane gruppo di Ensemble Armonica Giocosa per la bellissima serata musicale e per il coraggio di aver sfidato il tempo che sembrava avverso, e il nostro ing. Luca Zenari per l’organizzazione della serata e per aver realizzato il percorso illuminato dal Forte fino alle “Cesette” dove è il posteggio del Forte, dando così la possibilità ai partecipanti alla serata di accedere al posteggio in sicurezza; ma l’illuminazione proseguiva anche lungo la strada di accesso al Forte fino quasi alle prime case di San Briccio. Il colpo d’occhio era notevole nella notte turbolenta fra lampi e tuoni il percorso risultava da favola con tutti i piccoli punti luminosi che indicavano la strada da percorrere…

10x30

distanziale-30x30

FORTESPETTACOLO

distanziale-30x30

Si… FORTESPETTACOLO, suona anche bene… è una parola che racchiude in se ed indica molto bene la strada intrapresa dalla Associazione All’ombra del Forte. Recuperare lo splendido manufatto e restituirlo alla comunità in forma di cultura, di area verde protetta per flora e fauna autoctona, sede di spettacoli all’aperto d’estate, in sunto tutto quello che può servire a ravvivare la nostra comunità. Renderlo utile alla cittadinanza è stato l’impegno che ha preso l’associazione verso il Comune nel 2013, e questo primo spettacolo rappresenta l’inizio di un promettente percorso. La partecipazione della comunità è stata splendida numericamente oltre ogni aspettativa. Anche se era riservata la serata ai solo tesserati per una prova generale, molti tesseramenti si sono aggiunti agli esistenti, a dimostrazione del forte interesse che suscita il Forte nella nostra comunità.

Di seguito vi presentiamo il “TEATROPROVA” che ha egregiamente sostenuto la serata al Forte.

link al PDF

TEATROPROVA

distanziale-30x30

Rappresentazione fotografica della serata.

distanziale-30x30

distanziale-30x30

Un DRONE al Forte di San Briccio

di Raffaele Favatà.

distanziale-20x20

Il 03-06-2015 presso il Forte di San Briccio abbiamo avuto come ospite, il Regista Documentarista Mauro Vittorio Quattrina, il quale dopo una visita del Forte accompagnato da Sergio Sponda,

drone_al_forte

procedeva alle riprese del documentario su Forte San Briccio, il quale documentario farà parte di una serie che riguarderà molti forti storici inseriti in un sito da lui dedicato, inizia riprendendo con le sue attrezzature leggere ma professionali, con molta attenzione le varie parti del Forte da lui ritenute interessanti.

drone_al_forte

drone_al_forte

drone_al_forte

Molto emozionante quando ha messo in funzione il “Drone”, prelevandolo da una valigia in PVC nera, un modello di dimensioni contenute ma efficientissimo, con una videocamera a bordo molto buona a giudicare dalla qualità video, che si poteva ammirare sul piccolo monitor situato sopra il pannello comandi e controllo, la messa a punto dei vari componenti elettronici, avveniva sotto un ombrello nero sostenuto dal prof. Giuseppe Corra, che oltre a dare sollievo nel lavoro all’operatore, serviva a far un po d’ombra per poter vedere meglio le immagini inviate dalla videocamera nella fase di messa a punto.

drone_al_forte

DSCF4558

DSCF4553

Deposto sul piazzale in cemento della piazza d’Armi, ha preso il volo in verticale stabilizzandosi ad una altezza di 15 metri circa ha iniziato un giro su se stesso di 360°, facendoci ammirare qualcosa di unico, per poi scendere ad altezza d’uomo ed infilasi nel Portico alla Prova 132 percorrendolo per tutta la sua lunghezza, ritornando al punto di partenza e girare con movimenti dolci verso l’entrata del Forte percorrendo il Portico 135 e 130, per trovarsi all’uscita sul ponte levatoio sempre ad altezza d’uomo.

drone_al_forte

drone_al_forte

drone_al_forte

drone_al_forte

drone_al_forte

drone_al_forte

drone_al_forte

drone_al_forte

drone_al_forte

drone_al_forte

drone_al_forte

drone_al_forte

drone_al_forte

drone_al_forte

drone_al_forte

drone_al_forte

drone_al_forte

drone_al_forte

drone_al_forte

drone_al_forte

drone_al_forte

drone_al_forte

Le emozioni non erano ancora finite perché in un attimo si dirigeva verso il fossato, oltrepassato il parapetto del ponte levatoio si calava lentamente nel fossato, restando a mezza altezza e percorrendolo tutto fino al punto dove i volontari hanno disboscato, procedere oltre era impossibile per la folta vegetazione ancora presente.

Come ultimo atto molto bello, tornato dal fossato si posiziona sul ponte levatoio a circa tre metri di altezza, e perfettamente immobile in quella posizione ha ripreso tutti i presenti che sbracciando salutavano il Drone.

Tutto questo è stato possibile grazie alla grande professionalità di Mauro Vittorio Quattrina e alla sua collaboratrice signora Patrizia sempre attenta ad organizzare e controllare tutto quello che accadeva intorno mentre il regista operava con il Drone.

L’unico rammarico è di non poter avere il video di ciò che riprendeva il Drone, e relative foto da lui fatte, per motivi tecnici e di tempo, ne verremo in possesso a Settembre e  tutto il materiale che ci daranno verrà inserito nel sito, possiamo in anticipo inserire due immagini gentilmente inviate al prof. Giuseppe Corra dal documentarista, dove si vede dall’alto la Piazza D’arme, e la parte del Forte rivolta a Nord verso San Briccio.

drone

Due foto riprese dal DRONE

drone

A conclusione del molto speciale pomeriggio, Sergio Sponda prima di congedarci invita tutti a rinfrescarci nella sala ufficiali 109E posta al primo piano del Forte, dove troviamo acqua minerale e, per l’occasione brindiamo con un’ottima bottiglia di bianco amabile, molto apprezzata che, chiude per i nostri ospiti amabilmente la giornata.

drone_al_forte

Nell’immagine a destra l’Architetto Fiorenzo Meneghello, esperto in Fortificazioni.

drone_al_forte

da sinistra ing. Luca Zenari e di spalle il documentarista Mario Vittorio Quattrina, in mezzo al gruppo la sua assistente con magliettina rossa sig.ra Patrizia

Per noi volontari non è ancora finita, dobbiamo calarci nella cisterna per rilevarne con la necessaria strumentazione le effettive dimensioni, nella precedente discesa avevamo approssimativamente stimato le sue dimensioni perché eravamo senza strumentazione, ma questa è un’altra storia che vi descriverò in un altro prossimo articolo.

distanziale-30x30

distanziale-30x30

IL C.A.I. AL FORTE DI SAN BRICCIO

logo_cai

distanziale-20x20

Anche il C.A.I. (Club Alpino Italiano) sede di Zevio, è interessato al Forte di San Briccio, in data 15-03-2015 è prevista una loro visita presso il Forte, noi siamo molto lieti di ospitarli presso l’ex struttura militare. Accompagnerà il gruppo durante la visita al Forte il prof. Giuseppe Corrà esperto e conoscitore della storia del Forte di San Briccio dai suoi albori, avendo lui collaborato con Renzo Zerbato nella stesura dei quattro libri scritti sul Forte di San Briccio, inglobando nei quattro volumi la storia di Lavagno, del suo territorio e, tradizioni.
La visita inizierà alle 10,00 e, sarà presente durante il suo svolgimento anche il nostro presidente dell’Associazione all’ombra del Forte prof.sa Belli Maria Grazia, con alcuni volontari dell’Associazione.
Con la speranza e l’augurio che il tempo ci sia propizio e, ci doni nell’occasione, una splendida giornata di sole.

distanziale-20x20distanziale-30x30

di Raffaele Favatà.

Domenica 01-02-2015,

effettuato il censimento invernale dei chirotteri nel Forte

distanziale-20x20

Domenica 01-02-2015 alle ore 9,30 abbiamo iniziato il sopralluogo nel Forte di San Briccio. Sopralluogo per individuare per la prima volta nella storia del Forte, l’ubicazione invernale preferita dai Chirotteri (Pipistrelli). 
L’arrivo dei due esperti di Padova è stato accolto dalla presenza di Sergio Sponda e del presidente dell’Associazione All’ombra del Forte prof.sa Maria Grazia Belli, la quale ha calorosamente ringraziato i due dottori per il loro impegno e disponibilità nella collaborazione con l’Associazione All’ombra del Forte in questo delicato progetto naturalistico riguardante il Forte.
Purtroppo è venuta a mancare all’appuntamento per indisposizione fisica la nostra biologa dott.sa Elena Moscardo, a cui facciamo i migliori auguri di pronta guarigione.
La visita di controllo e rilevamento dati è stata effettuata in collaborazione con gli esperti chirotterologi del G.I.R.C. (Gruppo Italiano Ricerca Chirotteri) e Lipu di Padova, i biologi dott. Giulio Piras e la dott.sa Carlotta Fassina, i quali con l’attrezzatura necessaria in questi particolari rilevamenti, hanno ispezionato in ogni più piccolo anfratto tutti i locali del Forte.
La visita si è resa necessaria per poter stabilire con dati certi, la presenza dei chirotteri anche nella stagione invernale nel Forte, e rilevarne le dimensioni come colonia invernale.

Rhinolophus ferrumequinum (Ferro di cavallo maggiore).

rhinolophus_ferrumequinum

I dati seppur non eccezionali come si è potuto precedentemente rilevare nella fase estiva della colonia durante l’allevamento della prole, sono sempre di importanza rilevante, trattandosi di presenza in ambiente artificiale e non in grotta.
Questi dati ci consentiranno di verificare i loro spostamenti futuri, con il variare delle condizioni climatiche stagionali, creando così una mappa completa con riferimenti dei locali da loro preferiti nelle varie stagioni dell’anno, inserendo le condizioni ambientali come umidità e temperatura invernali rilevate.
Attualmente nel sito sono in fase svernante pertanto in letargo, circa 30 individui di Rhinolophus ferrumequinum (Ferro di cavallo maggiore), e solo un esemplare di Rhinolophus hipposideros ( Ferro di cavallo minore) sparsi a piccoli gruppetti in vari locali, nessun Myotis myotis; questa specie molto difficile da individuare, perché in questa fase si intrufolano nelle più piccole fessure in profondità, e pertanto non sono rilevabili anche con il rilevatore di ultrasuoni, essendo in letargo.
La visita nel suo insieme è stata comunque positiva, aggiungendo i dati rilevati a quelli della scorsa estate e, quelli che acquisiremo nella prossima primavera, precisamente all’inizio di Aprile, l’insieme dei dati serviranno a completare il rilevamento nel corso di un anno solare, avendo così una mappa completa della situazione dei chirotteri del Forte di San Briccio.

L’interesse da parte dell’Associazione per questi piccoli esseri viventi, oltre ad essere diretto verso l’interesse naturalistico e di utilità di questi piccoli soggetti, è fortemente caratterizzata dall’attenzione che tutti dovremmo avere per il sol fatto che sono gli unici mammiferi sul pianeta Terra che, hanno sviluppato la capacità al volo e, durante il volo portano con se la giovane prole, allattandoli in volo, aggrappati al seno delle rispettive madri, fin quando giunge il momento e la maturità che possano essere lasciati nella colonia da loro scelta per continuare la loro crescita e svezzamento.
Pertanto meritano rispetto e l’attenzione di tutti noi.
Le negative credenze tramandateci negli anni passati, hanno danneggiato non poco questi piccoli utilissimi mammiferi, oggi qualcosa sta cambiando, la gente più informata sta prendendo coscienza della effettiva loro utilità.

distanziale-30x30

distanziale-20x20

Clicca sull’immagine per ingrandirla, buona visione.

10x30

L’Associazione All’ombra del Forte

dal

gruppo Alpini di Vago

distanziale15x15

Clicca sull’immagine per ingrandirla, buona visione.

 

 

candele 2 accese

Auguri di Buon Natale e felice Anno Nuovo al Forte

 di Raffaele Favatà.

 

Sabato 20-12-2014 ci siamo recati al Forte dopo il solito invito tramite e-mail da parte della Segretaria la nostra cara maestra Fausta, che come ogni Sabato ci invia un messaggio di richiesta per sapere chi è presente.

IMG_1154

Sapevamo di ritrovarci al Forte solo per farci gli auguri di Natale, ma la sorpresa è stata quando la presidente ci ha chiesto di scaricare un tavolo e delle panche che l’amico Dario aveva gentilmente (come sempre) portato su con il suo fuoristrada.

IMG_1150

IMG_1156

Come al solito non c’è bisogno di assegnare compiti, perché sembra inverosimile ogni uno dei presenti sa sempre cosa fare e dove mettere a disposizione i propri servigi.
In poco tempo tutto era sistemato e riassettato… chi spazzava il pavimento del locale, chi preparava la legna nel camino, chi arredava il tavolo con relative panche, chi tagliava la polenta, chi affettava il salame e le caciottine di capra del Forte… si gli auguri erano contornati da polenta e salame, caciotta e vino con dolce e panettone!

IMG_1153

DSCN4712

IMG_1201

Questa era la bella e dolce sorpresa.
In poco tempo gli addetti al camino incominciavano a sfornare polenta abbrustolita, che con il saporito e gustoso salame metteva gioia negli occhi dei volontari… e non parliamo delle caciotte e della renga… spuntata fuori all’improvviso, che con la polenta diede il colpo finale alla leggera ma speciale tavolata.

DSCN4708

IMG_1204

DSCN4703

DSCN4701

DSCN4694

IMG_1207

IMG_1213

IMG_1212

Qualche spiritoso all’improvviso nella allegria collettiva esclamò “chiudete le finestre che la polenta si fredda…”, si… si fredda…, potete immaginate in tutto il Forte non c’è una finestra con un vetro sano!

IMG_1215

In quell’aria di allegria ci siamo scambiati gli auguri di Natale e di un Nuovo Anno, anno che ci vedrà più uniti e forti nell’affrontare il grande lavoro che necessita il Forte. Qualcuno non ha avuto la possibilità di essere presente, ci dispiace, ma gli auguri giungeranno sicuramente anche a loro! Nel congedarci l’Associazione da ad ogni volontario un gradito pensiero! Ci siamo lasciati consapevoli di essere un forte gruppo unito e, riconoscendo di avere una presidente ricca di sorprese!

Buon Anno a tutti ragazzi, con un forte abbraccio.